Architetture dell’istruzione

atlante > formazione

Le architetture dell’istruzione sono macrostrutture che comprendono il controllo richiesto a docenti e allievi, il livello di strutturazione dei materiali, le interazioni (verticale da docente a allievo, orizzontale fra docente e allievi, tra pari fra allievi e allievi).

Si concentrano più sulle dinamiche dell’apprendimento che sulle metodologie dell’insegnamento, spostando il punto di vista dall’attività del docente alla competenza dell’allievo.

architetture

Dalle architetture dipendono le strategie formative, i programmi, i corsi, i tipi di formazione in presenza, a distanza, tradizionale, tecnologica. Le varie architetture vanno dalla somministrazione del prodotto formativo fino alla metaformazione (imparare ad imparare) che rappresenta il livello più evoluto del discente. Nella formazione recettiva l’allievo è un ascoltatore subordinato, un vaso da riempire con lezioni frontali, anticipative, metodologiche. Non c’è interazione. Nella formazione comportamentale il docente spezzetta le conoscenze in piccoli pezzi, adatti a principianti, tutorial, pratiche guidate, istruzioni passo-passo. La scoperta guidata si basa su problem solving e attività di laboratorio. Il docente è un coach facilitatore, gli allievi imparano meglio quando si impegnano a risolvere problemi e ne discutono insieme. La formazione esplorativa considera l’allievo come attore, impegnandolo in ricerche, progetti, brainstorming; l’apprendimento è una scoperta personale. L’architettura simulativa porta a sperimentare condizioni simili a quelle reali con role play, simulazioni di scenari, studi di casi, pensiero sistemico. L’apprendimento collaborativo vede l’allievo come autore-attore e il docente come regista in lavori di gruppo, seminari, peer tutoring. A livello metacognitivo l’allievo osserva e regola il proprio processo di apprendimento, si autovaluta, ragiona sui perché e sui come, impara ad imparare.

Nella tabella ci sono gli argomenti che un’architettura didattica deve prendere in considerazione.

Spazio e tempo Ambienti e tempi di apprendimento
Saperi Struttura e articolazione dei contenuti
Programmi Priorità e pianificazione
Processi Organizzazione delle attività, piattaforme tecnologiche
Materiali Prodotti cartacei, elettronici, verbali, multimediali, statici, interattivi
Valutazione Verifica dei risultati: quando, come e con quali criteri e strumenti
Follow up Verifica effetti a medio e lungo termine

Lo scopo dell’architettura formativa è l’acquisizione o lo sviluppo di competenze dichiarative (sapere qualcosa), procedurali (sapere come fare), di prestazione (saper fare certe cose), di conoscenza (sapere e saper spiegare a se stessi e ad altri che cosa si fa, come lo si fa e perché).

L’apprendimento efficace, ossia quello che fa crescere e cambiare comportamenti, si basa più su un’ampia gamma di strategie cognitive e applicative che sulla memorizzazione, ed è sostanzialmente un apprendimento per problemi più che per nozioni. Si realizza in cinque passi rappresentati nella tabella.

problema Impegna l’allievo con problemi concreti della vita reale Non obiettivi astratti e generici di fine corso, ma competenze
attivazione Le nuove conoscenze si basano sulle conoscenze acquisite dell’allievo Mappe e reti concettuali, strutture di conoscenze, contesti
dimostrazione Le conoscenze sono dimostrate all’allievo Esempi, visualizzazioni, modelli
applicazione L’allievo applica e usa le nuove conoscenze acquisite Che cosa faccio con quello che ho imparato?
integrazione Le nuove conoscenze si integrano nel mondo dell’allievo L’allievo usa e mostra ad altri le sue conoscenze e competenze