Gennaio, il mese del cambiamento

giano
il dio della porta, del passaggio, del cambiamento

Il primo mese del nuovo anno prende il nome da Giano, il dio romano del cambiamento, delle porte e dei ponti, ossia di quelle cose che ci fanno passare dove passare non si può, che ci fanno entrare per poi uscire, andare per poi tornare, che ci fanno iniziare e concludere le nostre storie.

Gennaio in latino è Januarius, il mese di Giano, divinità preromana del Lazio, che i romani hanno preposto a porte e ponti, e più in generale a qualsiasi tipo di passaggio e di cambiamento. Ha due volti, perché può guardare verso il passato (da dove si viene) e verso il futuro (dove si va). A Roma il colle Gianicolo potrebbe essere l’antico regno laziale del dio. Da Janus viene janua, che in latino significa “porta”.

Nel Viaggio dell’eroe, il fortunato saggio di storytelling di Christopher Vogler, all’inizio dell’avventura c’è una soglia da varcare. L’eroe è ancora una persona comune, e vive la sua vita di ogni giorno. Ma succede qualcosa, o qualcuno lo chiama, e lui deve muoversi, varcare una soglia. Sulle prime non vuole, non si sente preparato o è restio ad abbandonare la tranquillità delle abitudini, ma poi arriva un mentore che gli dà coraggio e lo spinge ad agire per ottenere il cambiamento auspicato. L’eroe varca la soglia e comincia l’avventura con cui trasformerà se stesso e gli altri intorno a sé. Dopo varie vicissitudini, dopo aver affrontato e superato le forze avverse e aver conquistato la soluzione del problema, l’eroe deve passare una nuova soglia per rientrare nella normalità migliorata dal problema risolto.

La soglia, reale o simbolica, è il punto in cui le due teste di Giano si uniscono, in cui si passa dalla testa che guarda indietro a quella che guarda avanti, è il momento del cambiamento, o meglio dell’inizio del percorso di cambiamento che porterà alla soluzione del problema, al miglioramento della propria o dell’altrui condizione.

maya al sole
Maya al sole ha vissuto bene il cambiamento di casa

Io ho da poco iniziato a vivere un grande percorso di cambiamento, perché ad ottobre mi sono trasferito dall’Italia alla Francia. La nuova casa è pressoché finita, e abbiamo appena iniziato i lavori del giardino, che è tutto da sistemare. Maya, la gatta di casa, si è perfettamente ambientata e prende il sole nella salle à manger. Io ho appena finito di correggere le bozze del mio nuovo libro.

E tu? Qual è la soglia che hai davanti? La vedi? Ti attrae o ti intimorisce? Qual è l’avventura che ti aspetta? Chi è il tuo mentore? La porta ha un guardiano che ti chiede un pedaggio? Che tipo di pedaggio? Che cosa vorresti conquistare? A chi ne vorresti fare dono?

Buon gennaio 2017! E che Giano protegga il tuo passaggio.

Pubblicato da

Umberto Santucci

Sono un consulente e formatore di comunicazione, problem solving, project management, mappe mentali e altri strumenti di visualizzazione e controllo, creatività. Sembrano tante cose diverse ma sono aspetti della stessa competenza: definire correttamente e risolvere problemi.

5 pensieri riguardo “Gennaio, il mese del cambiamento”

  1. Caro Umberto e Gianfranca,
    Vi auguro a voi e la gatta molta felicitá e salute nel vostro nuovo luogo, nuova casa ! Continuo a leggerti con interesse e piacere ma non scrivo tanti messagi, piutosto sul watsap.,
    Per l’anno nuovo ho finito la contruzione di 3 nuovi appartamenti proprio molto centrali, di fronte a la nostra casa vicino al mare di Seminyak, Bali.
    Per scappare al monsoon sonorra la Thailandia e la Cambodia per qualche mesi. Next time i come to Europe, i hope to see you again. DOVE siete in Francia e perche a Francia ?
    Salutoni e tantissimi auguri per TUTTO l’anno !

    1. Ciao Chan! Siamo a Lagny sur Marne, vicino a EuroDisney dove lavora mio genero. Viviamo insieme con figlia e genero e in Italia abbiamo venduto tutto. Se capiti a parigi ti vedrò con grande piacere, e magari organizziamo un nostro viaggio a Bali 🙂

  2. Molto interessante la spiegazione di Gennaio, primo mese dell’anno. Ritroviamo il concetto di reiniziare in molte situazioni. Primo fra tutte, la religione. La nascita di Gesu’ e’ un invito a ricominciare una vita con nuovi propositi. Comunque io credo di essere un sostenitore del cambiamento, e cerco di applicarlo in tutto, (l’improvvisazione e’ un cambiamento).
    Per me e’ sempre un mese di Gennaio. Ogni volta che devo esibirmi penso di includere nelle mie performances qualcosa di nuovo.
    Comunque e’ sempre stimolante leggerti!
    Cicci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *