GSM, tavolette e smartphone

fit ageing, la mente, computer

Le nuove tecnologie ci propongono cose di cui non sentiamo nessun bisogno finché non le conosciamo o non le usiamo, ma di cui non potremmo fare a meno quando qualcuno ce le regala, o circospetti ce le compriamo, e cominciamo ad usarle.

Il telefono cellulare è una di queste cose. Solo qualche decennio fa un telefono mobile era appannaggio di polizia, ambulanze, diplomatici. Oggi ognuno di noi ha il suo telefonino, spesso anche più di uno.

Le tecnologie tendono a miniaturizzare e a rendere mobili apparecchiature che nascono ingombranti e statiche. Apparecchi radio, televisori, macchine da scrivere, sono diventati sempre più piccoli e leggeri, tanto da poterli tenere in tasca.

Il navigatore satellitare o GSM localizza la nostra posizione per mezzo dei satelliti e ci indica la strada giusta per arrivare alla nostra meta. E’ utilissimo specialmente quando si va in posti non molto noti, ma anche per fare tragitti che ben conosciamo rende il viaggio intelligente, perché ricco di informazioni su medie, ora di arrivo, chilometri, limiti di velocità, ecc. Se si resta fermi per un po’ fa apparire numeri telefonici di polizia, soccorso stradale, pronto soccorso.

La tavoletta, nata con l’Ipad della Apple, ma ormai disponibile in varie marche, è un oggetto grande come un libro, con cui si può leggere sfogliando le pagine, vedere immagini e filmati, ascoltare musica, scorrere i giornali.

Il netbook è un computer ultraportatile leggerissimo, dotato di tastiera e quindi più adatto a scrivere testi lunghi. Ha tutte le funzioni di un computer, anche se con potenza ridotta.

Lo smartphone, o telefono intelligente, unisce le funzioni di un telefono con quelle di gestione dei dati personali, come posta, messaggeria, notizie, ricerche, fino alla funzione di navigatore satellitare.

Questi dispositivi sono molto utili per un anziano, perché gli permettono di restare collegato anche al parco, in gita, in spiaggia, in viaggio. Contribuiranno sempre più ad ampliare il computer dal tavolo di lavoro e di studio a qualsiasi situazione di vita quotidiana.

E se ci si sente troppo collegati col mondo, è sempre possibile spegnerli!

Pubblicato da

Umberto Santucci

Sono un consulente e formatore di comunicazione, problem solving, project management, mappe mentali e altri strumenti di visualizzazione e controllo, creatività. Sembrano tante cose diverse ma sono aspetti della stessa competenza: definire correttamente e risolvere problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *