Iscriviti alla mia newsletter

nanettoSe vuoi ricevere le segnalazioni di articoli che di tanto in tanto pubblico su questo e su altri siti iscriviti alla mia newsletter inviando una email a

info@umbertosantucci.it

con il tuo nome, cognome e indirizzo email in cui desideri ricevere le mie comunicazioni.

Non temere, non intaserò la tua casella di posta, perché scrivo cose per lo più brevi e comprensibili solo quando ne sento la necessità e solo su argomenti di problem solving e gestione a vista con mappe mentali e altri strumenti, magari prendendo spunto dalla vita quotidiana e da fatti di cronaca.

Preferisco che tu mi scriva direttamente invece di riempire un modulo automatico, perché mi fa piacere stabilire fin dal primo momento un rapporto personale con te.

Ti ringrazio e… a presto!

19 pensieri riguardo “Iscriviti alla mia newsletter”

  1. Sto costruendo un’idea di libera professione. Navigando, navigando ho incontrato lei: chiaro e concreto.
    Grazie per le sue suggestioni!

  2. In fase trasformativa.
    A cinquant’anni cercare di decidere cosa fare da grande, e poi capito qui.
    Immagino che sia un’utile tappa.
    Grazie!

  3. Ho avuto il suo link da una cara amica e debbo ringraziarla, trovo i suoi articoli molto ben fatti ed espressi con chiarezza e semplicità. Sto riorganizzando la mia professione e sono ad un punto cruciale del mio libro. Volevo innanzitutto ringraziarla.

  4. Buonasera Umberto, volevo sapere come ordinare il libro in formato cartaceo clicco sul link editore ma non si riesco ad aprirlo. Intanto mi sono organizzata con lo schema di mappe mentali che ha illustrato nell’articolo.
    Grazie di tutto e Buon Anno

  5. trovo tutto molto attuale
    inteso come stato di presenza all’affiorare della REALTA’ !

    Spero di approfondire i SUOI punti di vista e le esperienze vissute.

    Grazie di esserci

    Saluti Claudio

  6. sono molto interessato al problem setting, normalmente si corre verso la soluzione senza pensare ad inquadrare prima tutto il problema.

  7. le questioni che poni sono interessanti poiché riguardano problemi che dobbiamo affrontare , analizzare e prendere le giuste decisioni
    è un piacere leggerti

  8. Sono venuto a contatto con i sei cappelli per pensare dal 2002 in un corso di problem solving organizzato da IFOA reggio emilia con relatore il Dott. MANZOTTI.
    Da allora ho sempre cercato di sforzarmi di utilizzare il metodo e di divulgatlo nella pratica, oggi trovo il suo file pdf un buon approccio alla comprensiane rivolta ad un pubblico piu’ vasto.
    Mi trovo per lavoro di fronte alla incomprensione e alla fuga dell’ interlocutorio, …..userò il suo documento per tentare di fare ritornare l’ interlocutore al tavolo della trattativa, ….purtroppo l’ argomento si è aparto con il cappello rosso, e sono stati subito trattati temi duri e difficile da conprendere da parte della controparte, …a quel punto si è dato alla fuga!!!!
    buon lavoro

    1. Il cappello rosso va “placato” con il cappello bianco. Quando qualcuno dà di matto, gli si chiede – o si chiede ad altri – di passare ad esaminare i documenti, o di esibire cifre, qualsiasi cosa che riporti la temperatura sul freddo e razionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *