Project management e problem solving

problem solving, project management

In che modo il problema si tr5asforma in progetto? Qando e come un progetto fa emergere un problema? FIno a che punto, alle competenze del problem solving, si devono aggiungere quelle del project manager, e viceversa?

l project management interviene nella fase conclusiva del problem solving. Dopo aver definito il problema, cambiato le soluzioni disfunzionali, introdotto leve di cambiamento, trovate soluzioni, deciso che cosa fare, finalmente bisogna sviluppare un progetto con cui applicare i cambiamenti e raggiungere i risultati desiderati.

La differenza fra un progetto e un agire come capita è la stessa che corre fra l’ordine e il caos. E’ vero che, se il management scientifico pensava di poter programmare tutto in maniera ferrea, il chaos management attuale sa bene che il futuro si può conoscere solo quando è passato, e che possono intervenire variabili, spesso sistemiche, tali da imporre profondi cambiamenti e aggiustamenti anche al progetto più meticoloso.

Comunque il project manager di oggi sa navigare a vista nei momenti di bisogno, ma sa seguire le carte nautiche quando la navigazione è più tranquilla. Se tutto fosse perfettamente prevedibile, problem solving e project management potrebbero ignorarsi l’un l’altro.

Invece a monte di qualsiasi progetto ci sono uno o più problemi che impongono il cambiamento da realizzare con il progetto stesso. Ma anche durante lo svolgersi del progetto possono verificarsi eventi che fanno sorgere nuovi problemi, da circostanze esterne a cambiamenti delle richieste del cliente, o del budget, o della disponibilità di risorse. E allora all’interno del project management interviene il problem solving, che propone al progetto stesso i cambiamenti e gli adattamenti richiesti.

Un progetto che prescinda dalla risoluzione di problemi ben definiti a monte è inutile o più spesso dannoso. Un problema che non sfocia in un progetto è sterile e inconcludente, e lascia le cose come stanno, spesso aggravandole.

Ecco dunque che problem solving e project management sono due competenze che devono andare a braccetto come due buoni amici.

Pubblicato da

Umberto Santucci

Sono un consulente e formatore di comunicazione, problem solving, project management, mappe mentali e altri strumenti di visualizzazione e controllo, creatività. Sembrano tante cose diverse ma sono aspetti della stessa competenza: definire correttamente e risolvere problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *