Vedere per capire meglio

gestione a vista

L’ascolto ha bisogno di tempo. Anche la lettura e la comprensione dei testi. La vista invece è immediata, istantanea. Al primo colpo d’occhio si coglie il fenomeno, su cui possiamo insistere per osservarlo meglio.

Ma spesso il problema è nascosto, e più ci siamo dentro, meno riusciamo a vederne la struttura e le possibilità di soluzione. Siamo come in un labirinto da cui è difficile uscire. Se ci alziamo in volo vediamo subito come è fatto il labirinto, da dove si entra, da dove si esce. La gestione a vista è la capacità di staccarsi, di sollevarsi dal viluppo intricato dei problemi, e osservare le cose da una distanza sufficiente a veder emergere le caratteristiche più rilevanti.

La gestione a vista è un insieme di segnali, indicazioni e riferimenti che permette di facilitare il lavoro e la comunicazione nell’azienda, nell’ufficio, nell’attività e organizzazione personale.

Va dal tenere in ordine il monitor del proprio computer, all’uso di colori e forme per distinguere pratiche e faldoni, da cassetti e cartelli ni colorati per marcare oggetti e percorsi, a grafici, diagrammi, mappe che se mplificano insiemi di dati, informazioni, concetti. Si sviluppa con metodi di visualizzazione e verbalizzazione.

“Un’immagine vale più di mille parole”, diceva il saggio cinese. La gestione a vista è l’arte di trasformare mille parole in una immagine, per semplificare le complessità, risparmiare tempo, ridurre lo stress, comunicare meglio.

Vai agli articoli

Pubblicato da

Umberto Santucci

Sono un consulente e formatore di comunicazione, problem solving, project management, mappe mentali e altri strumenti di visualizzazione e controllo, creatività. Sembrano tante cose diverse ma sono aspetti della stessa competenza: definire correttamente e risolvere problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *